Attualità Finestra sull'Europa

Coronavirus: la vergognosa gestione del governo spagnolo

Enlace a la versión en español

Conosciamo bene la situazione italiana ed i danni, economici e reputazionali, che l’emergenza coronavirus sta arrecando al nostro paese. In altri paesi come la Spagna, paese nel quale vivo, politica ed autorità hanno deciso di intraprendere un’altra strada, quella del menefreghismo.

I primi casi di coronavirus sono apparsi poco meno di un mese fa: un turista tedesco ed uno inglese, uno alle Canarie ed uno a Mallorca. Entrambi sono stati messi in quarantena ed entrambi sono poi guariti. Sembrava che governo ed autorità sanitarie non si fossero fatte trovare impreparate. Poi, misteriosamente, più nessun caso.

Neppure dopo lo scoppio dell’epidemia in Italia. Ho ripetuto per giorni ad amici e colleghi che trovavo questo fatto molto strano. Forse non venvano fatto abbastanza “tamponi”? O davvero la Spagna stava scampando al pericolo? No, semplicemente non stavano controllando. E quando controllavano, poi tacevano.

Pochi giorni fa sono cominciati i casi: un uomo di Siviglia che, prima di essere sottoposto al test, ha dovuto aspettare 2 settimane e peggiorare. Nessun test per famiglia, amici, e persone più a contatto.

Poi vari casi di persone che erano state in Italia. Poi il ministro della sanità ed il responsabile nominato dal governo che per giorni è andato in televisione a dire che il coronavirus non è che un’influenza, che basta lavarsi le mani per stare tranquilli. Oggi poi il governo ha dichiarato di non avere intenzione di dichiarare il numero di test che ha effettuato.

È notizia di pochi minuti fa che c’è anche una prima vittima: a Valencia, 69 anni. Morta il 13 febbraio. Si, ben 19 giorni fa! Governo ed autorità sanitarie hanno nascosto al paese che ancor prima dello scoppio dell’epidemia in Italia, in Spagna c’era già stata la prima vittima. Nel frattempo non si sono vietati, fino ad oggi, eventi sportivi, concentrazioni politiche, celebrazioni come il carnevale canario, l’inizio delle feste valenciane (Las Fallas), e domenica prossima sarà l’8 marzo, giorno in cui normalmente milioni di manifestanti scendono in piazza per rivendicare i diritti delle donne.

Il governo si fa così trovare totalmente impreparato per fronteggiare l’emergenza, sia a livello di organizzazione che, soprattutto, di comunicazione. Diranno ai cittadini che non potranno riversarsi nelle piazze, dopo giorni in cui andavano raccontando frottole?

Per una volta, e lo dico da grande detrattore dell’Italia e della sua classe politica, mi sento fiero della reazione dell’intero paese ad un’emergenza sanitaria.

Saul Giordani

Laureato in Ingegneria informatica, liberal-incazzato, tento dall'estero di fare qualcosa per la mia derelitta Italia. Chi la dura la vince!

17 comments

Vicente 07/03/2020 at 23:49

Gestión italiana 200 muertos
Gestión española 12

Vergonzosa la gestión Italiana

Reply
Saul Giordani 09/03/2020 at 21:25

Pues ya 26 muertos y 1250 casos. Los numero de Italia hace 8 dias.
Y mira que el gobierno tenia el ejemplo al lado, pero preferiò cerrar los ojos.

Reply
Vicente Moreno 07/03/2020 at 23:50

Gestión italiana 200 muertos
Gestión española 12

Vergonzosa la gestión Italiana

Reply
Spagna: il primo morto di coronavirus è stato un mese fa, nel silenzio totale (video) | Immoderati 09/03/2020 at 23:50

[…] molto peggio dell’Italia, cari spagnoli. Tutte questioni di cui vi avevamo parlato anche noi la settimana scorsa, e su cui ritorniamo proponendovi un video approfondito di Puerta a Puerta — canale youtube […]

Reply
Juan 10/03/2020 at 16:51

El gobierno ha querido mantener la manifestacion del 8M acualqueir precio

Reply
Anna 10/03/2020 at 17:17

Vivo in spagna i morti per corona virus al giorno d oggi
Sonó 31 e 1200 contagiati.la maggior parte sonó persone anziane con piu di 80 anni.l última aveva 99 anni, credo che una semplice influenza avrebbe causato piu danni! Prima di criticare informativo Bene ,non e Cosi difíciles ,basta andaré in Google!!

Reply
Saul Giordani 10/03/2020 at 20:34

anche io vivo in Spagna, per questo ho scritto l’articolo. L’esempio italiano è ben visibile da 3 settimane, per questo essere dovuti arrivare a ieri per prendere qualche decisione è stato irresposabile.

Reply
Ivanna 10/03/2020 at 19:18

Vosotros vecinos de italia!!! no es que esteis en positione de criticare a spain

Reply
Saul Giordani 10/03/2020 at 20:36

Yo no he criticado a España, sino su gobierno y su total inaccion hasta ayer. Muchas muerte y muchos nuevos casos se podrian haber evitado con una decision mas rapida. Pero no lo han hecho. Es lo que se critica en el articulo.

Reply
Paula 10/03/2020 at 21:43

Sono una spagnola in Italia. Qua la situazione si sta gestendo meglio (anche xche tutto scoppiato prima) da parte del governo, ma da parte del popolo… Speriamo aprano gli occhi subito sia qua che in Spagna… Perché non è questione di chi ce l’ha più grande, ma è una questione di NON È UNO SCHERZO e sta in gioco la vita di molte PERSONE e la resa del SISTEMA SANITARIO. Bisogna contenere il problema prima che ci sia bisogno dell’ospedale, per evitarne il collasso.

Reply
Saul Giordani 10/03/2020 at 21:46

sono d’accrdo, Paula. Io una settimana fa ero arrabbiato perché vedevo cosa stava succedendo in Italia ed in Spagna si parlava di tutt’altro, e si diceva che il virus non era pericoloso. Purtroppo non è così, e con la manifestazione di domenica potrebbe essersi creato un danno ENORME! Spero di no!

Reply
Alex 10/03/2020 at 23:41

mi trovo in spagna, sono totalmente d’accordo con l’articolo. l’italia ha gestito il tutto in maniera perfetta. la spagna invece penso sia stato il peggior paese europeo fin’ora da questo punto di vista . avevo il dubbio inoltre che si stessero nascondendo veri numeri di contagiati e decessi, e infatti è cosi

Reply
Anahí Palacín 11/03/2020 at 12:24

La Spagna è vergognosa.

Reply
Simona Gresia 11/03/2020 at 14:32

Saul grazie mille per l’articolo, completamente d’accordo, hai espresso esattamente il mio pensiero. Anch’io vivo qui da anni e da quasi un mese mi stanno tacciando di esagerata e paranoica e sono arrivata ad un punto in cui evito qualsiasi contatto non per il contagio ma per evitare il confronto. Mi fa male vedere tanto menefreghismo ed indifferenza; è assurdo che finora non si siano presi provvedimenti neanche negli aeroporti, che si sia autorizzata la manifestazione dell’ 08/03 (con tutto rispetto per le donne), che sin dall’ inizio si sia sottolineato il fatto che era un problema esclusivo delle persone anziane o con patologie pregresse. È assurdo anche che si pubblichi su un giornale la notizia di un caso nella scuola de las Infantas e di come vadano a lezione “con total normalidad”.. Sarebbe un atteggiamento da premiare?? Del senso civile e di responsabilità preferisco non parlare; vivo a Madrid e da oggi le scuole saranno chiuse per due settimane e la palestra dove vado al mattino (proprio per evitare affluenza) oggi era piena di professoresse e di chi in teoria doveva lavorare da casa. Non so, mi sento indignata e molto delusa da un Paese che consideravo civile e devo dire che ammiro ciò che si sta facendo in Italia nonostante il clamoroso autogoal dello scorso fine settimana (fuga di notizie e conseguente fuga di imbecilli che si sarebbero dovuti bloccare). Va anche detto che in Spagna lo scenario politico di ogni comunidad autonoma ha il suo peso ma non hanno ancora capito che in questi casi si parla do un interesse comune e la emergenza riguarda tutti, non solo il Paese vicino a cui prima si guardava come l’untore e che ora si dovrebbe vedere come esempio.

Reply
Carlo Zucchi 11/03/2020 at 14:40

Vivo attualmente a Madrid e in Spagna da 26 anni. Andai a Bologna per lavoro il 24/02 e al mio arrivo all’aereoporto di Bologna controllo temperatura corporea di tutti i passeggeri. Rientrai a Madrid il 27/2 da Bologna e mi aspettavo qualche controllo a Barajas. Zero controlli… , assolutamente niente… come se il volo fosse arrivato da Valladolid, per dire.
Qua non ci si sta rendendo conto della gravitá della situazione e che quello che sta succedendo in Italia arriverá al resto d’Europa in meno di una settimana… Spero di sbagliarmi!!

Reply
Joan Bosch Amat 11/03/2020 at 16:44

This article has some errors in the different facts. One of them is about the deceased victim that passed away with COVID-19, the government didn’t show the information because they hadn’t. It was detected in post-mortem examination, so the Spanish Government didn’t hide information. Please, be responsible and aware of the information published.

Spanish Government has managed the problem with some errors but this publication contains some fake news without determined sources.

Reply
Saul Giordani 11/03/2020 at 20:45

Joan, the 13th of Feb China was already affected. The virus was already circulating. How can you say that the government, national and regional, doesn’t have any responsability? They should have known that person came from Nepal and could have died for the virus.
This crisis has been managed very badly from the beginning, and it’s going worse.
I hope they wake up soon, for everyone’s sake.
Thanks for writing

Reply

Leave a Comment

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com