Una Na-Def Andreottiana per Tirare a Campare

La politica economica del governo Conte (canna)bis ha le sembianze di una mummia in decomposizione priva di testa.

La Nota di aggiornamento al-Def (NaDef), che fissa i saldi di bilancio del governo rosso antico, emana un acre odore di andreottismo. La manovra si regge su due pilastri: 1) Un’espansione ulteriore del deficit per comprare consenso; 2) Maggiori introiti da un strenua (ancorché fantomatica) lotta all’evasione fiscale per cifre mai recuperate nella storia d’Italia, dal pleistocene ai gironi nostri.

La traiettoria del rapporto debito/Pil, secondo le stime ottimistiche sulla crescita e soprattutto sul deflatore del Pil al massimo si stabilizza grazie alla riduzione dei tassi di interesse che la BCE garantisce con l’ennesimo QE.

Dopo l’intervento di Fabio Scacciavillani a LeFontiTV ne parlano Luciano Capone e Mario Seminerio in questo nuovo video di Liberi Oltre

Leave a Comment