fbpx
Finestra sull'Europa Politica estera

L’inquietante articolo di un giornalista sull’Ucraina

Tramite il suo account twitter, il giornalista investigativo bulgaro Christo Grozev ha condiviso il tweet del reporter della BBC Andrey Zakharov, il quale aveva pubblicato il saggio del giornalista russo Petr Akopov, apparso in vari media russi nonché nella testata giornalistica Sputnik. L’articolo era comparso il 26 febbraio, ma è stato disponibile online per poco tempo, forse ritirato repentinamente dalle testate giornalistiche con l’inasprirsi delle relazioni con le nazioni occidentali e con l’esercito russo messo in difficoltà dall’eroica resistenza ucraina.  Non è ben chiaro se l’analisi espressa sia stata formulata da un personaggio in stretto contatto con l’ambiente politico del Cremlino oppure che sia invece l’ennesimo delirio di un esponente pro-Putin. Chiaramente, la visione geopolitica sostenuta con l’articolo in questione poco si discosta da ciò che Putin ha affermato e messo in atto negli anni che si sono susseguiti dall’invasione della Crimea nel 2014 sino ad oggigiorno, se non anche prima. 

Il lettore leggendo l’articolo, qui sotto riportato, potrà rendersi conto dell’inquietante visione geopolitica che si cela nel pensiero di chi l’ha scritto, scrivendo come se fosse un pensiero comune tra l’élite politica russa, e soprattutto di quale ancestrale visione etnica-tribale del mondo viene proposta, accompagnata da una retorica vittimista e nazionalista che ci rimanda ai cupi momenti dell’Europa della prima metà del Secolo scorso. Il successo dell’invasione in Ucraina è, a detta del giornalista, il passaggio principale per “il ritorno della Russia”. Ma di quale Russia? Ovviamente di quella autoritaria, oligarchica e reazionaria rappresentata dal regime di Putin, in contrasto con le liberal-democrazie occidentali.

L’articolo fa intendere che le due nazioni slave, Ucraina e Bielorussia, si uniranno politicamente alla Russia, ovvero ricucendo quello stretto legame storico, politico e, soprattutto, religioso che li lega, recesso con il crollo dell’URSS. Poco importa se i cittadini di queste nazioni non vogliano condividere questo destino, che vogliano invece vivere sotto un governo democratico, non aderire alla visione di una società tribale, politicamente elitaria e fare liberamente ciò che è più naturale tra gli esseri umani, cioè il perseguimento autonomo dei propri scopi di benessere in contrasto anche con l’opinione comune e al volere di chi governa politicamente la società in cui si vive, tutto ciò che attualmente in Russia e Bielorussia è negato. Questo articolo e i fatti drammatici di questi giorni sono la palese dimostrazione che l’ideologia della Russia di Putin è l’ennesimo nazionalismo che nega con la forza la libertà degli stati di scegliere il proprio destino. Purtroppo, un Passato che ritorna, un’ardua sfida per l’Europa e per le società democratiche.

L’offensiva della Russia e del Nuovo Mondo

(traduzione da Google Translate)

Un nuovo mondo sta nascendo davanti ai nostri occhi. L’operazione militare della Russia in Ucraina ha inaugurato una nuova era in tre dimensioni. E, naturalmente, nel quarto, russo domestico. Qui inizia un nuovo periodo sia nell’ideologia che nel modello stesso del nostro sistema socio-economico – ma questo dovrebbe essere discusso separatamente un po’ più tardi.

Russia ripristina la sua unità – la tragedia del 1991, questa terribile catastrofe della nostra storia, la sua dislocazione innaturale, è stata superata. Sì, a caro prezzo, sì, attraverso i tragici eventi della guerra civile vera e propria, perché ora i fratelli si sparano ancora l’un l’altro, separati dall’appartenenza agli eserciti russo e ucraino – ma Ucraina come non ci sarà più anti-Russia. La Russia sta ripristinando la sua pienezza storica riunendo il mondo russo, il popolo russo insieme – in tutta la sua totalità di grandi russi, bielorussi e piccoli russi. Se avessimo abbandonato questo, se avessimo permesso alla divisione temporanea di prendere piede per secoli, non solo avremmo tradito la memoria dei nostri antenati, ma saremmo stati maledetti dai nostri discendenti per aver permesso la disintegrazione della terra russa.

Vladimir Putin si è assunto, senza una goccia di esagerazione, la responsabilità storica, decidendo di non lasciare la soluzione della questione ucraina alle generazioni future. Dopotutto, la necessità di risolverlo rimarrebbe sempre il problema principale per la Russia, per due ragioni chiave. E la questione della sicurezza nazionale, cioè la creazione di un’anti-Russia dall’Ucraina e di un avamposto per la pressione dell’Occidente su di noi, è solo la seconda più importante tra queste.

Il primo sarebbe sempre il complesso di un popolo diviso, un complesso di umiliazione nazionale – quando la casa russa prima perse parte della sua fondazione (Kiev), e poi dovette accettare l’esistenza di due stati di non uno, ma due popoli. Cioè, o abbandonare la loro storia, concordando con le versioni folli che “solo l’Ucraina è la vera Russia”, o digrignare impotenti i denti, ricordando i tempi in cui “abbiamo perso l’Ucraina”. Restituire l’Ucraina, cioè riportarla alla Russia, con ogni decennio sarebbe sempre più difficile – ricodificare, de-russificare i russi e rivoltarsi contro i piccoli russi-ucraini, guadagnerebbe slancio. E se il pieno controllo geopolitico e militare dell’Occidente sull’Ucraina fosse consolidato, il suo ritorno in Russia diventerebbe completamente impossibile – dovrebbe combattere per questo con il blocco atlantico.

Ora questo problema non esiste – l’Ucraina è tornata in Russia. Ciò non significa che la sua statualità sarà liquidata, ma sarà ristrutturata, ristabilita e restituita al suo stato naturale parte del mondo russo. All’interno di quali confini, in quale forma sarà fissata l’unione con la Russia (attraverso CSTO e Unione Eurasiatica o Stato dell’Unione Russia e Belarus)? Questo sarà deciso dopo che la fine sarà messa nella storia dell’Ucraina come anti-Russia. In ogni caso, il periodo di divisione del popolo russo sta volgendo al termine.

E qui inizia la seconda dimensione della nuova era in arrivo: riguarda le relazioni della Russia con l’Occidente. Nemmeno la Russia, ma il mondo russo, cioè tre stati, Russia, Bielorussia e Ucraina, che agiscono geopoliticamente come un unico insieme. Queste relazioni sono entrate in una nuova fase: l’Occidente vede il ritorno della Russia ai suoi confini storici in Europa. E si risente a gran voce di questo, anche se in fondo deve ammettere a sé stesso che non avrebbe potuto essere altrimenti.

C’è qualcuno nelle vecchie capitali europee, in Parigi e Berlino, credeva seriamente che Mosca rifiuterà Kiev? Che i russi saranno per sempre un popolo diviso? E allo stesso tempo, quando l’Europa si sta unendo, quando le élite tedesca e francese stanno cercando di prendere il controllo dell’integrazione europea dagli anglosassoni e assemblare un’Europa unita? Dimenticando che l’unificazione dell’Europa è diventata possibile solo attraverso l’unificazione Germania, cosa che è accaduta per buona volontà russa (anche se non molto intelligente). Oscillare dopo anche sulle terre russe è l’altezza non è nemmeno dell’ingratitudine, ma della stupidità geopolitica. L’Occidente nel suo complesso, e ancor più l’Europa individualmente, non ha avuto la forza di mantenere la sua sfera di influenza, e ancor più di prendere l’Ucraina per sé. Per non capire questo, bisognava essere solo sciocchi geopolitici.

Più precisamente, c’era solo un’opzione: scommettere sull’ulteriore collasso della Russia, cioè della Federazione Russa. Ma il fatto che non abbia funzionato avrebbe dovuto essere chiaro vent’anni fa. E quindici anni fa, dopo il discorso di Putin a Monaco, anche una persona sorda poteva sentire che la Russia stava tornando.

Ora l’Occidente sta cercando di punire la Russia per il fatto che è tornata, per non giustificare i suoi piani di profitto a sue spese, per non aver permesso l’espansione dello spazio occidentale a est. Nel cercare di punirci, l’Occidente pensa che le relazioni con esso siano di vitale importanza per noi. Ma non è più così: il mondo è cambiato, e questo è ben compreso non solo dagli europei, ma anche dagli anglosassoni che governano l’Occidente. Nessuna pressione occidentale sulla Russia porterà a nulla. Le perdite derivanti dall’escalation dello scontro saranno da entrambe le parti, ma la Russia è pronta per loro moralmente e geopoliticamente. Ma per l’Occidente stesso, un aumento del grado di confronto comporta costi enormi – e i principali non sono affatto economici.

L’Europa, come parte dell’Occidente, voleva l’autonomia – il progetto tedesco di integrazione europea non ha alcun senso strategico pur mantenendo il controllo ideologico, militare e geopolitico anglosassone sul Vecchio Mondo. E non può avere successo, perché gli anglosassoni hanno bisogno di un’Europa controllata. Ma ottenere l’autonomia è necessario per l’Europa e per un’altra ragione: nel caso in cui gli Stati si spostino verso l’autoisolamento (a causa di crescenti conflitti interni e contraddizioni) o si concentrino sulla regione del Pacifico, dove si sta muovendo il centro di gravità geopolitico.

Ma il confronto con la Russia, in cui gli anglosassoni trascinano l’Europa, priva gli europei anche di una possibilità di indipendenza – per non parlare del fatto che allo stesso modo stanno cercando di imporre una rottura con l’Europa. Cina. Se ora gli atlantisti si rallegrano che la “minaccia russa” unirà il blocco occidentale, allora Berlino e Parigi non possono non capire che, avendo perso la speranza di autonomia, il progetto europeo semplicemente crollerà a medio termine. Questo è il motivo per cui gli europei di mentalità indipendente sono ora completamente disinteressati a costruire una nuova cortina di ferro ai loro confini orientali – rendendosi conto che si trasformerà in un recinto per l’Europa. Il cui secolo (o meglio mezzo millennio) di leadership globale è comunque finito – ma varie opzioni per il suo futuro sono ancora possibili.

Perché la costruzione di un nuovo ordine mondiale – e questa è la terza dimensione degli eventi attuali – sta accelerando, e i suoi contorni stanno diventando sempre più chiaramente visibili attraverso il velo tentacolare della globalizzazione anglosassone. Il mondo multipolare è finalmente diventato una realtà: l’operazione in Ucraina non è in grado di radunare nessuno tranne l’Occidente contro la Russia. Poiché il resto del mondo vede e capisce perfettamente che questo è un conflitto tra la Russia e l’Occidente, questa è una risposta all’espansione geopolitica degli atlantisti, questo è il ritorno della Russia del suo spazio storico e del suo posto nel mondo.

Cina e India, America Latina e Africa, il mondo islamico e Sud-est asiatico. Nessuno crede che l’Occidente governi l’ordine mondiale, tanto meno stabilisca le regole del gioco. La Russia non ha solo sfidato l’Occidente, ma ha dimostrato che l’era del dominio globale occidentale può essere considerata completamente e finalmente finita. Il nuovo mondo sarà costruito da tutte le civiltà e centri di potere, naturalmente, insieme all’Occidente (unito o meno) – ma non alle sue condizioni e non secondo le sue regole.

2 comments

Simeon 15/03/2022 at 09:54

Salve, avete copia dell’articolo in lingua russa da poterlo leggere in lingua originale? Grazie

Reply
Gianluca Morena 21/03/2022 at 10:19

Ciao, Simeon. Mi scuso di aver visto il tuo commento solo adesso. Comunque, sì, l’articolo originale in russo è linkato nel primo paragrafo alla parola “l’articolo”. È stato linkato ben due volte: il primo è l’articolo pubblicato su Sputnik; il secondo è archiviato, nel caso il primo non sia disponibile. Entrambi sono uguali.

Reply

Leave a Comment