fbpx
Approfondimenti Sanità

Incompetenza ed egoismo uccidono: la campagna vaccinale italiana

La campagna vaccinale in Italia sembrava procedere meglio che nel Regno Unito, dove notoriamente, la gestione della pandemia COVID è stata catrastofica: ospedali al collasso, uscite discutibili del premier Boris Johnson, lockdown severi, numero di morti elevato (soprattutto nelle classi sociali più emarginate) e, ciliegina sulla torta, nuova variante ancora più contagiosa. Nonostante tutto ciò in UK, come si può notare dal grafico sottostante, il numero di decessi sta progressivamente calando, arrivando a toccare il minimo storico odierno di sole 17 persone, numeri che non si vedevano da 6 mesi. Miracolo divino? Assolutamente no, è il frutto di una campagna vaccinale efficace e rapida.

Insomma, è evidente che i vaccini siano la chiave per tornare alla vita normale, anche le evidenze provenienti da Israele dimostrano ciò. In Italia, il nuovo commissario, il Generale Figliuolo, ha elaborato un nuovo piano vaccinale, cestinando le primule di Arcuri e favorendo l’implementazione del maggior numero di strutture possibile. L’efficacia del cambio di gestione è stata notevole: le dosi giornaliere sono notevolmente aumentate, come si può notare dal seguente grafico.

Nonostante ciò, è triste osservare che la mortalità del virus non ha subito un calo come in altri Paesi. Per capire il motivo, è necessario ricordare una fondamentale caratteristica del virus: le fasce d’ètà più elevate (over 80) sono enormemente più esposte ai rischi della sindrome severa, non a caso la maggior parte dei ricoveri in ICU e dei decessi rientra in questa fascia; è quindi abbastanza banale concludere che è sufficiente immunizzare questa porzione di popolazione per ridurre drasticamente la pericolosità della malattia. Osservando i dati dell’ECDC, si nota non solo che la maggior parte delle campagne vaccinali europee muovono in quella direzione, ma anche che considerando la piramide demografica in Italia le somministrazioni sono alquanto sbilanciate: quelle relative agli over 80 sono piuttosto scarse, per non parlare della fascia immediatamente sottostante, la cui percentuale è drammatica, mentre fasce d’età più giovani (meno a rischio) sono più coperte.

Insomma, i punti vaccinali aumentano, le fiale sono in arrivo e il personale coinvolto è pronto, ma tutto questo viene vanificato dalla decisione di non concentrare gli sforzi sulle persone più vulnerabili, come indicano anche i dati GIMBE. In tutta Italia, i parametri di selezione hanno seguito criteri non scientifici, trasparenti o quantomeno democratici, ciò che si è osservato è invece un braccio di ferro tra diversi gruppi di potere ignorato completamente dai principali vettori di informazione, troppo impegnati ad ubriacare l’opinione pubblica con notizie tanto mediocri quanto futili. Ad esempio, che senso ha avuto destinare un’esigua porzione di fiale al personale scolastico se poi gli istituti rimangono chiusi? Le discussioni sulla priorità dei vari gruppi esistono in tutto il mondo, ma scelte folli come in Italia non se ne vedono altrove. Necessariamente generano malcontenti, ma dovrebbero avvenire dopo la messa in sicurezza dei soggetti più fragili, sia da un punto di vista etico sia pratico/funzionale. Un’aggravante da tenere in considerazione è la diversità fra priorità e gestione delle diverse regioni: in Veneto, ad esempio, fino a ieri gli avvocati avevano il via libera per le prenotazioni, oggi revocato. In Lombardia, invece, come riporta l’ANSA si sono verificati enormi problemi con Aria, la società che gestisce le prenotazioni.

Continuando di questo passo, magari arriveremo a settembre con l’80% di popolazione immunizzata, ma ci lasceremo alle spalle una scia di morti che si sarebbe potuta evitare semplicemente gestendo in maniera scientifica e razionale le somministrazioni.

Concludo l’articolo con uno spunto di riflessione: normalmente in Italia si è molto più attenti agli interessi degli anziani rispetto al resto del mondo; questa volta sembra essere successo il contrario. Come mai?

1 comment

Oretta Gabrielli 24/03/2021 at 21:50

Analisi molto chiara e veritiera. Complimenti

Reply

Leave a Comment

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com