fbpx
Corsivi corsari Speaker's Corner

Hayek, Rand e il collettivismo che unisce i socialismi

Dal Nazismo al Fascismo, dal Socialismo al Comunismo, tutti i movimenti totalitari sono uniti da un fil rouge. Cioè annichilire l’individuo, riversarlo nella dimensione collettiva, togliergli identità e dignità. A partire dagli anni Trenta-Quarata, piccoli gruppi intellettuali anticollettivisti hanno tentato di riportare la libertà e l’unicità della persona al centro dell’attenzione politica. A distanza di pochi anni rispetto alle pubblicazioni che li hanno resi celebri, Friedrich von Hayek e Ayn Rand si sono dedicati parecchio al rigetto del collettivismo, dunque del Socialismo. Il collettivismo, spiega Rand (Capitalism: The Unknown Ideal) «non predica il sacrificio come mezzo temporaneo per qualche fine desiderabile. Il sacrificio è il suo fine».

La dimensione collettivista è contro l’indipendenza dell’uomo, il suo successo, la sua prosperità e la sua felicità, argomenta Rand. Il collettivismo sostiene che l’individuo non ha diritti e che il frutto del suo operato appartiene al gruppo. Il gruppo, poi «può sacrificarlo come suo capriccio ai propri interessi». Va da sé, dunque, che «l’unico modo per attuare una dottrina di questo tipo è con la forza bruta», continua Rand (The Virtue of Selfhishness). E non è un caso che tutti i socialismi, a destra e a sinistra, nel perseguire il collettivismo spinto abbiano fatto largo uso della violenza. Nell’ottica del collettivista, necessariamente anti-individualista, all’uno pensano i molti, ma non per benevolenza, quanto per volontà di controllo. Sono gli “altri” a pensare per il singolo, il quale, con il tempo, perde il suo spirito critico e si fa fagocitare dalla macchina collettivista.

In prospettiva liberale si parla di collettivismo come una dimensione che unisce tutti i socialismi e le ideologie simil-religiose e gregarie. Il conservatore Giovannino Guareschi scrisse a proposito di una terza narice che facesse entrare in corpo il pensiero del partito. Questa, «non è una prerogativa dei comunisti, ma di tutti coloro che rinunciano a pensare con la propria testa a favore delle direttive del partito». Si applica a chi crede nel collettivismo e svilisce la dimensione individuale. La terza narice serve a far arrivare al cervello le direttive del partito. Il collettivismo è un invito a non pensare; a non essere lucidi; a ripetere dogmi inneggianti alla pluralità rispetto che all’individuo.

Secondo von Hayek, comunisti e nazisti adoravano lo statalismo e il collettivismo. In maniera rivoluzionaria, in The Road to Serfdom, il pensatore austriaco gettò le basi per accomunare il Socialismo al Fascismo sotto la campana del collettivismo. In epoca di egualitarismo spinto ed imposto, collettivismo socialista di destra e di sinistra, Hayek ebbe il coraggio di svelare al mondo il segreto di Pulcinella. E cioè che nella società la battaglia è tra la libertà e la schiavitù, tra rispetto dell’individuo e aggregazione collettivista. Soprattutto puntò il dito contro il paternalismo repressivo del Partito o dello Stato, dell’odio sociale e di classe. Aspetti, questi, che appartengono ai tutti i socialismi che usano il collettivismo come elemento di aggregazione e controllo sociale.

I collettivisti ammirano la violenza e la giustificano in base ai voleri della massa. Non è un caso che disprezzino dunque l’impresa privata e sposino la dimensione collettiva e dirigista. Ci sono collettivisti di spada (più grezzi – il manganello dei fascisti) e di toga (più raffinati – l’egemonia culturale dei comunisti). Mario Vargas Llosa (Il richiamo della tribù) ha spiegato che per Hayek «soltanto l’individualismo, la proprietà privata e il capitalismo di mercato garantiscono la libertà politica. Il processo inverso conduce, prima o poi, al fallimento economico, alla dittatura e al totalitarismo.» Lo scrittore peruviano ricorda il coraggio di Hayek nel teorizzare durante l’ascesa dei totalitarismi una sostanziale uguaglianza tra Comunismo, Socialismo e Nazismo. Hayek, infatti, sovrappose le filosofie totalitarie. Stabilì che entrambi erano per il dirigismo economico e la pianificazione, dunque, la scomparsa dell’individuo e dell’individualismo.

Ayn Rand era d’altra parte più esplicita nel formulare il collettivismo come ponte tra socialismi di destra e sinistra. «Il Socialismo può essere stabilito con la forza, come nell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche – o con il voto, come nella Germania nazista (nazionalsocialista)» (The Virtue of Selfishness). La scrittrice definì il Socialismo come «una teoria o un sistema di organizzazione sociale che sostiene l’attribuzione della proprietà e del controllo dei mezzi di produzione, del capitale come della terra, ecc. alla comunità nel suo insieme» (Capitalism: The Unknown Ideal). Appartenere alla comunità è un concetto che i totalitarismi collettivisti-socialisti (di destra e di sinistra) hanno utilizzato parecchio.

Da una parte, il Socialismo «sostiene l’attribuzione della proprietà e del controllo alla comunità nel suo insieme […] allo Stato». Dall’altra, il Fascismo «lascia la proprietà nelle mani degli individui privati, ma trasferisce il controllo della proprietà al governo» (ibid.). Una sottigliezza da poco considerando l’annichilimento dell’uomo e della sua proprietà. «La proprietà senza controllo è una contraddizione in termini. […] In questo senso, il Socialismo è la più onesta delle due teorie. Dico “più onesta”, non “migliore”». Infatti, «entrambe provengono dallo stesso principio collettivista-statalista, […] negano i diritti individuali e subordinano l’individuo al collettivo, […] consegnano il sostentamento e la vita dei cittadini al potere di un governo onnipotente» (ibid.).

Rand scrisse a proposito di una dittatura dei ricchi (Fascismo) o una dittatura dei poveri (Comunismo). Ma pur sempre una dittatura: autoritarismo collettivista, anti-individualista. «Fascismo e Comunismo non sono due opposti, ma due bande rivali che si contendono lo stesso territorio». Entrambi «sono varianti dello statalismo, basate sul principio collettivista che l’uomo è uno schiavo senza diritto dello Stato […] che sotto entrambi i sistemi, i poveri sono schiavizzati e i ricchi sono espropriati a favore di una cricca al potere […] che il Fascismo non è il prodotto della “destra” politica, ma della “sinistra” […] che la questione di base non è “ricchi contro poveri”, ma l’uomo contro lo Stato o i diritti individuali contro il governo totalitario» (ibid.). In altri termini, capitalismo contro Socialismo. Individualismo contro collettivismo.

A sottolineare il fatto che i socialismi di destra e di sinistra trovino terreno comune nel collettivismo è la strenua opposizione di Fascismo e Comunismo nei confronti del liberalismo. In altri termini, i socialismi non sono accomunati solo dal collettivismo, ma dall’astio nei confronti del liberalismo. Liberalismo sia a livello filosofico, che politico, che economico. È naturale che quest’ultimo sia il grande nemico del collettivismo dal momento che mette l’accento sull’individuo. Oltre all’opposizione al liberalismo, c’è anche l’uso della violenza. Scrive Madeleine Albright (Fascism. A Warning): «Ciò che rende un movimento fascista non è l’ideologia ma la volontà di fare qualsiasi cosa sia necessaria – compreso l’uso della forza e il calpestare i diritti degli altri – per ottenere la vittoria e comandare l’obbedienza».

Alla voce “Fascismo” sull’Enciclopedia Treccani emerge una citazione di Benito Mussolini – intimamente socialista. In un discorso il Duce spiegò che il liberalismo classico «sorse dal bisogno di reagire all’assolutismo e ha esaurito la sua funzione storica da quando lo stato si è trasformato nella stessa coscienza e volontà popolare». Inoltre, la «sola libertà che possa essere una cosa seria [è] la libertà dello Stato». Lo Stato che decide, fa, briga e disfa è l’operazionalizzazione del collettivismo in ambito sociale. Il dirigismo che annienta l’iniziativa individuale. Non è un caso che Hayek temesse la questione del piano dirigista e Rand definisse il capitalismo come unico sistema in grado di creare ricchezza.

Tutti i socialisti, tutti i nazisti, tutti i comunisti e tutti i fascisti odiano i liberali e adorano il collettivismo. Dunque, il vero avversario del socialismo è il liberalismo – e dunque quello del collettivismo è l’individualismo. Alberto Mingardi (La verità, vi prego, sul neoliberismo) ha spiegato che «buona parte della politica contemporanea […] è […] alla ricerca affannosa di qualcosa da mettere “prima degli egoismi individuali”, ovvero prima delle persone, qualsiasi cosa sia. […] La divisione politica oggi è fra quelli che non si perdono di non aver ridistribuito abbastanza, e quelli che vogliono distribuire di più […]; non c’è nessuno che si metta dalla parte del singolo individuo, non come parte di un gruppo, non come donna, immigrato, disoccupato, negoziante, insegnante, impiegato pubblico, contribuente, ma come persona

Il collettivismo, che è l’anticamera del totalitarismo (degenerazione che ha toccato tutti i socialismi: Nazismo, Fascismo e Comunismo), disprezza la persona e l’individuo. Il collettivismo preferisce federare il singolo all’interno di una brodaglia sociale dove la sua identità è annacquata e distrutta. Dove uno vale uno. Dove non ci sono differenze. Il tutto è riempito dall’ideologia di turno. Destra o sinistra poco conta, dal momento che il denominatore comune è sempre il collettivismo. Il collettivismo che per sua natura è distributivo, clientelare, basato sull’odio di classe. Come ai tempi di Hayek e di Rand, ancora oggi, la vera grande sfida è ancora, come sempre, tra libertà e schiavitù. Tra libertà e collettivismo, tra liberalismo e socialismo. Cambiano i nomi, le facce. Restano le idee. Resta l’individuo e la sua proprietà.

2 comments

Dario+Greggio 03/10/2021 at 19:40

Indubbiamente, molto vero.
Io che penso sempre al futuro, sono convinta che il futuro “socialista” di Star Trek era (sarà) oltre questi limiti: collettivismo ma NON a discapito del singolo (e ovviamente della proprietà, che non esisterà più nei termini in cui la conosciamo)

Reply
DAVIDE 27/02/2022 at 18:35

No ,lo scontro sociale vero è tra i due obbiettivi contrapposti delle varie forme di socialismo(sinistra) e il continuum di destra che va dal nazismo al liberalismo,il primo ha infatti l’obiettivo di generare il maggior benessere per il maggior numero ,il secondo inf di creare una GERARCHIA tra gli uomini separando i “meritevoli di vivere”,i potenti ,i fort”i i meritevol”i, dagli inferiorii,subumani,che meriterebbero di soffrire ,essere schiavizzati o di essere uccisi.
Il ” mercato per liberali ,come la guerra per i fascisti ,sarebb e la sola “igiene del mondo ” che tramite e la concorrenza permetterebbe al più forte di primeggiare sul più debole,Sandero un’ordine naturale.
Difatti la destra economica sociale è disposta a mettere in atto politiche antieconomiche (FMI e BCE in testa, con l”‘austerita” che nonostante la loro palese dannosità ;e non c’era bisogno di metterle in pratica per vederlo,batava ragionare) che riducono crescita è benessere ,e provocano una riduzione della capacità di produrre ricchezza,purché la ricchezza anche se minore resti concentrato nelle mani di chi già la possiede.
Il socialismo infatti adotta politiche economiche basate sulla pianificazione scientifica,incentrata sul valore d’uso dei beni e non sul voodoo dei prezzi,per soddisfare nella maniera più efficiente e sostenibile possibile i bisogni primari ( salute,alimentazione ,beni di prima necessità,), e garantendo queste sicurezze di base a tutti,(insieme ad un facile accesso all’istruzione) permette a molti di essere” choose” ,di specializzarsi (senza doversi “arrabattare” per sopravvivere)favorendo una maggiore divisione del lavoro e la propensione alla sperimentazione creativa,i cui frutti ,sia diretti(nuove conoscenze e competenze) che indiretti (apprendimento e conoscenza degli errori)che non vengono “privatizzati” ,e messi in concorrenza ,ma “messi a sistema”,sperimentando in altri campi ,favorendo la circolazione e lo scambio disinteressato delle conoscenze ,che rende più efficiente il sistema nel complesso(mentre brevetti ,competizione segrti industriali egocentrismo ed egoismo rendono difficile e distorcono(o impediscono) la crescita spostando l’obbiettivo dall’efficienza di un prodotto,servizio o sistema nel rispondere ad un bisogno(valore d’uso ) ,alla volontà di ricavare profitto monetario individuale a breve termine nel modo più “sicuro “possibile,con effetti assurdi(cibo che viene distrutto nei campi in un mondo in cui c’è chi muore di fame,arre ricche di capitale umano distrutte dalla delocalizzazione in luoghi in cui si può sfruttare la manodopera ed utilizzare processi produttivi inquinanti ,disinvestando dallo sviluppo di tecnologie e competenze per favorire la produzione di prodotti spesso scadenti,ad” scadenza” (c’.d obsolescenza programmata),che attraversano migliaia di chilometri per raggiungere i luoghi di vendita,con conseguente ulteriore inquinamento).
Questa maggiorm efficienza favorisce anche l’equa soddisfazione dei bisogni secondari e dei gusti personali,aumentando potenzialmente anche il tempo libero, oltre a favorire la coesione sociale la pace,e la riduzione della criminalità( che può altresì essere trattata con metodi più umani)
Il socialismo storico “reale” pur con le sue deformazioni dovute all’isolamento e alla difficoltà delle condizioni di partenza( che anno in alcuni contesti ,favorito ,l’ascesa di ” caste “che ,in modo molto “liberale’ smithiano,antponevano i propri interessi al benessere del resto della popolazione,e che dopo alterne vicende hanno favorito il ritorno del capitalismo,passando da piccoli burocrati corrotti a potentissimi oligarchi)ha più volte mostrato queste potenzialità( crescita economica,sanità efficiente,sviluppo tecnologico,sradicamento di razzismo e conflitti etnici,drastica riduzione della criminalità, resilienza ad attacchi potenti ,sostegno ai popoli oppressi dal colonialismo,laicità,diritti civili e parità di genere speso più avanzati che nei paesi capitalisti del primo mondo) e viceversa il suo crollo ha riportato”\indietro le condizioni di vita (povertà,ascesa della criminalità,autoritarismo spesso maggiore che in precedenza,odio etnico tra popoli che avevano convissuto pacificamente)
Purtroppo attualmente è ancora egemone nel mondo (ed in “occidente”in particolare)un tipo di politica(neoconservatorismo) che ritenendo che il bene sia l’utile del più forte,e che sia giusto manipolare l’opinione pubblica per fare accettare, guerre ,inquinamento,povertà perdita della sicurezza personale ,dei diritti sociali ed della libertà personanale( Greenpass) ,scontro sociale “,tribale” (Si vax/No vax) repressione del dissenso( persecuzione giornalisti e voci “non allineate”, es Julian Assente)
La divisione non è quindi tra i non-concetti di “individualismo” e “collettivismo”,ma tra un ordine solidale che garantisca diritto alla vita e libertà personali a tutti,in modo sempre più esteso ed efficiente,ed uno che provoca artificialmente sofferenza e stato di bisogno ,per mantenere il potere di minoranze senza scrupoli (meno di 50miliardari,che detengono più ricchezza della metà più povera della popolazione mondiale,ed un potere di controllo tramite ad esempio tecnologie ,enorme),molto più di qualsiasi “dittatore comunista”) che non vogliono che la plebaglia ,gli altri la “società”,la loro spietata avidità ed il loro immenso potere.
Come si tempi della Luxemburg,lo scontro è tra socialismo o barbarie

Reply

Leave a Comment