Corsivi corsari Speaker's Corner

Eurobond for Dummies

Scimmie al volante

Questa e’ la parabola due signori, il signor Borgo, debosciato italiano, senza titolo di studio, senza significativa esperienza lavorativa, a cui piace spendere e spandere. Tra le sue fissazioni c’e’ quella di fare il comandante in capo di una compagnia aerea fallita. Inoltre Borgo alza il gomito appena può e non disdegna droghe sintetiche in quantità non trascurabili.

Al di la’ delle Alpi vive il signor Guntel, imprenditore tedesco, che ha fatto sempre oculatamente attenzione alle proprie spese e ha sacrificato la sua esistenza a costruire un’azienda solida che esporta in tutto il mondo.

Oberato dalle cambiali signor Borgo chiede di condividere i propri debiti con il signor Guntel.
Secondo voi è normale che il signor Guntel si accolli il debito del signor Borgo?
E nel caso il signor Guntel mosso a compassione decida di farsi carico dei debiti del signor Borgo, perché vivono nello stesso condominio, non é normale che perlomeno chieda delle rassicurazioni che il signor Borgo smetta di giocarsi i soldi e di drogarsi?

Andrea Giuricin

Andrea Giuricin (1982) ha un dottorato con specializzazione nel settore dei trasporti. Nel 2009 ha creato l’ufficio studi per Italo – Nuovi trasporto Viaggiatori e quello di ATM nel 2014, lavorando direttamente con gli Amministratori delegati dell’azienda. Ha collaborato con agenzie mondiali delle Nazioni Unite ed è ora anche senior consultant per la Banca Mondiale. Collabora e lavora come esperto dei trasporti con le diverse Autorità dei Trasporti e della Concorrenza in Spagna, Malesia, Sud Africa, Italia, Francia, UK e altri paesi. E’ Adj. Professor presso l’Università Milano Bicocca per i corsi di Economia dei trasporti e management dei trasporti.. È visiting professor presso la China Academy Railway Science, la più grande accademia delle scienze ferroviarie al mondo e presso la Chiang Mai University, Thailandia. Inoltre insegna come adj. Professor di Marketing Management per Purdue University, University of Southern California, University of Minnesota e la Michigan State University. Ha tenuto guest lecture per l’Unione Internazionale delle ferrovie, all’ITEJ a Tokyo, Giappone, presso la University of Northampton, UK, l’European University Institute, Italia, l’IBMEC University in Belo Horizonte, Brasile, la HCMC University of Transport, Vietnam, Kasetsart University e Bangkok University College International a Bangkok, Thailand. Research Fellow dell’Istituto Bruno Leoni e del Consumer Choice Center. Le sue analisi sono riprese dai più importanti media a livello globale, dal FT al WSJ fino a Bloomberg e Reuters.

3 comments

Dario Greggio 28/03/2020 at 20:01

😀
quanto è grave, che devi ancora spiegarlo… ancora, e ancora… 10 anni dopo Monti… e ancora…

Reply
Europa: Draghi sul Financial Times | Immoderati 31/03/2020 at 13:59

[…] il cane che non ha abbaiato al ladro. Nell’editoriale di Mario Draghi manca qualsiasi accenno a eurobond, coronabond, mutualizzazione del debito e altre forme surrettizie per accollare sulla groppa dei tedeschi lo stratosferico debito […]

Reply
Eurolandia: lo Shock Esogeno non Giustifica Eurobond senza Condizioni | Immoderati 01/04/2020 at 16:13

[…] Gli Eurobond sono necessari – ma altrettanto necessarie sono le condizioni e le regole che vanno imposte ai paesi che ne beneficiano. […]

Reply

Leave a Comment