Rassegna stampa: onde gravitazionali, Deutsche Bank e caso Regeni

La notizia della settimana è la rilevazione delle onde gravitazionali, la cui esistenza era stata prevista da Albert Einstein 100 anni fa. Cosa sono le onde gravitazionali? In che modo si è riusciti a rilevarle? Perché viene considerata una scoperta eccezionale? Il fisico Carlo Rovelli ha risposto a questi interrogativi in modo chiaro, rigoroso e appassionato sul Corriere della Sera

Per quanto riguarda le notizie di economia e di politica, molte sono le vicende importanti. Si è parlato di turbolenze di mercato, in particolare per quanto riguarda Deutsche Bank. Il colosso tedesco è infatti in seria difficoltà dal momento che il prezzo delle sue azioni è sceso di oltre un terzo da inizio anno. Alessandro Merli rivolge la sua attenzione ai segnali che il nuovo amministratore delegato John Cryan e il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble hanno voluto mandare al mercato, oltre a rimarcare l’importanza sistemica di Deutsche Bank. Di Schäuble scrive anche Fubini in un articolo intelligente che non si limita a raccontare il caso Deutsche Bank, ma propone una riflessione sul sistema bancario tedesco rilevante per il discorso sull’unione bancaria. Fubini nota infatti che il maggior istituto tedesco è una sorta di hedge fund, difficile da supervisionare e impegnato in varie attività ad alto rischio, e che circa il 65% del sistema creditizio tedesco è in mano pubblica e gode di garanzie statali che impediscono una sana competizione (una delle ragioni, secondo Fubini, per cui Deutsche Bank è così esposta sui mercati finanziari globali e meno presente in Germania). Immancabile un commento di Seminerio sul tema finanziario della settimana: il suo articolo è atto a stigmatizzare la Schadenfreude (gioia) italiana per i guai di Deutsche Bank, del tutto incurante delle conseguenze che un suo crollo potrebbe avere anche sull’economia italiana, evidenziando le contraddizioni di una buona parte dei giornalisti italiani. Questi, infatti, sembra non riescano a fare a meno di osservare la solidità del sistema bancario italiano in relazione a quello tedesco e poi premere per una garanzia europea sui depositi.

Le altre notizie riguardano una varietà di temi: sempre di finanza tratta l’articolo di Morya Longo, in cui si rileva come i tassi eccessivamente bassi sui titoli di stato e l’aumento del rischio delle obbligazioni bancarie creano delle condizioni tali affinché il settore finanziario italiano si sviluppi attraverso un boom del risparmio gestito e un diverso atteggiamento dei risparmiatori; uno straordinario Paolo Mieli analizza l’irrilevanza delle accuse mosse da Renzi all’Europa; Luciano Capone, sempre puntuale quando si tratta di smontare miti anti-capitalisti, si occupa di Venezuela, paese a lungo preso ad esempio dai seguaci di una certa ideologia e che ora versa in condizioni pietose; il New York Times sul caso Regeni presenta una riflessione più ampia dedicandosi allo scarso interesse delle autorità egiziane per la maniera in cui la polizia opera; Alberto Mingardi racconta l’economia attraverso Luigi Einaudi e soprattutto Alessandro Manzoni. Questo e tanto altro nella nostra rassegna stampa settimanale.

That’s the press, baby!

“Costui [Il gran cancelliere Antonio Ferrer] vide, e chi non l’avrebbe veduto? che l’essere il pane a un prezzo giusto, è per sé una cosa molto desiderabile; e pensò, e qui fu lo sbaglio, che un suo ordine potesse bastare a produrla. Fissò la meta (così chiamano qui la tariffa in materia di commestibili), fissò la meta del pane al prezzo che sarebbe stato il giusto, se il grano si fosse comunemente venduto a trentatré lire il moggio: e si vendeva fino ad ottanta”.

Alessandro Manzoni, I promessi sposi, capitolo XII

Scoperta delle onde gravitazionali

Onde gravitazionali alla portata di tutti di Elisa Nichelli – INAF
Storia delle onde gravitazionali. Lo spazio si increspa come un lago di Carlo Rovelli – Corriere della Sera

Banche e finanza

Il no tedesco alla paura di Alessandro Merli – Il Sole 24 Ore
Schadenfreude italiana di Mario Seminerio – Phastidio.net
Il governo e le banche: un anno vissuto pericolosamente  di Angelo Baglioni – lavoce.info
Una spallata alle vecchie abitudini di Morya Longo – Il Sole 24 Ore
La tempesta su Deutsche Bank e i timori di Schäuble: «Ora i mercati esagerano» di Federico Fubini – Corriere della Sera

Politica interna; Renzi e l’Europa; crescita

Le accuse di troppo all’Europa di Paolo Mieli – Corriere della Sera
L’Italia è ancora a rischio: la politica e il coraggio di dire la verità di Piercamillo Falasca – Strade
Telecom Sparkle, Andrea Bacci prossimo amministratore delegato. Da casa Renzi alla gestione delle informazioni di Francesco Bonazzi – Il Fatto Quotidiano
L’ipoteca della bassa crescita di Guido Gentili – Il Sole 24 Ore

Banche centrali

La grande sconfitta delle banche centrali di Mario Seminerio – Phastidio.net
Banche centrali, tutti in silenzio. Riusciranno i mercati a far da soli? di Fabrizio Goria – Corriere della Sera

Caso Regeni

Le domande al Cairo sul caso Regeni di Sergio Romano – Corriere della Sera
Death of Student, Giulio Regeni, Highlights Perils for Egyptians, Too di Kareem Fahim, Nour Youssef e Declan Walsh – The New York Times

Esteri: Iraq e Venezuela

Così fallisce il Venezuela, tra complotti del dentifricio e appelli alla Fao di Luciano Capone – Il Foglio
Cosa fanno i soldati italiani a Ramadi di Daniele Ranieri – Il Foglio

Cultura: economia e politica

Cari economisti, studiate i promessi sposi di Alberto Mingardi – La Stampa
Novantatré. Diventare craxiani, dopo la fine di Simona Bonfante – Strade

Altro: adozioni, ricerche truccate

Tre cowboy per un’adozione. L’unico requisito è l’amore di Claudio Magris – Corriere della Sera
Ora anche l’Università punisce le bugie del prof. anti-Ogm di Luciano Capone – Il Foglio

Il peggio della settimana

Gruppo Bilderberg, ecco chi governa davvero il mondo – Il Fatto Quotidiano

Filippo Massari

Studente di Economia presso l'Università di Jönköping, nel sud della Svezia, e collaboratore, in qualità di traduttore, di Mises Italia. Da settembre 2015, blogger presso Austrian Economics Center. Appassionato di libri e musica di vario genere, cinema d'autore, sport e altro ancora.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata