Il popolo senza volto

di Augusto Manzanal Ciancaglini (politologo)

Dopo il sangue versato a Parigi recentemente, dovremmo anche fare riferimento a termometri più realistici rispetto alla routine di ciò che accade socialmente lì e in molti altri luoghi; come l’esperimento fatto dal giornalista ebreo che ha camminato con una kippah durante ore per le strade della ferita capitale francese e ha ricevuto innumerevoli insulti e sputi dai viandanti musulmani.

L’Islam rimane in conflitto con quasi tutte le civiltà vicine, sia in Cecenia con i russi, in Xinjiang con i cinesi, a Gaza con gli ebrei, nel nord della Nigeria con i cristiani, o con gli indù del Kashmir, e d’altronde, si segue intrecciando con l’Occidente attraverso un tortuoso rapporto storico di colonizzazioni, migrazioni, guerre e attentati.

Ma al di là di questi indizi, che potrebbero dare ragione alla teoria dello scontro di civiltà di Huntington, è essenziale cercare di decostruire l’Islam, sia attraverso i suoi rami, come i gruppi etnici che li professano, fino a ogni individuo per iniziare a singolarizzarli e, infine, di essere in grado di vedere i visi limpidi dei protagonisti degli scontri più cruenti,quelli che si svolgono nella intimità della loro idiosincrasia, in cui le vittime e i carnefici sono dominati dal volto velato di un profeta che si decapita a se stesso ancora e ancora.

Il trauma del razzismo e dell’imperialismo deve essere superato per rovesciare l’intangibilità delle culture, che sono il risultato dell’azione umana, e oggi sono più frammischiate che mai, in modo che l’interferenza reciproca è inevitabile e l’attività è sempre più potente.

La disuguaglianza, gli interessi economici e le interferenze, sono condizioni necessarie della violenza che l’Occidente aiuta a generare, ma lungi dall’essere sufficienti per chiudere gli occhi e rilassarsi in una tolleranza ipocritamente comprensiva per la stranezza culturale.

La sostituzione della coercizione non può essere l’omissione, la responsabilità oggi è globale, senza attribuzioni etnocentriche, ma con la capacità di promuovere una dialettica, che senza aspirare a leviatani totalizzatori che attacchino le differenze, permettano minimamente sincronizzare i progetti umani in piani logici di coesistenza equilibrata.

Oggi è indispensabile cercare di intravedere ogni volto, sia esso quello di un profeta del VI secolo o una donna sottomessa del XXI secolo. Solo allora si potrà smascherare la sacra brutalità dei terroristi incappucciati e, infine, guardare la sembianza del libero.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata