Rassegna stampa: Charlie Hebdo, Napolitano e dintorni

Con “That’s the press, baby”, la rassegna stampa settimanale de gliImmoderati, presenteremo ogni domenica gli articoli a nostro parere più interessanti comparsi durante la settimana sulle principali testate cartacee e online, e altri siti o blog. Affronteremo prevalentemente questioni di interesse generale – politica, economica ma anche cultura, tecnologia, società – lasciando da parte la cronaca.
La rassegna è il frutto del lavoro redazionale di Giuseppe Carteny, Elia Dall’Aglio, Luca Mosè Sanna e tutto lo staff de gliImmoderati.
Per suggerimenti, critiche o per commentare potete scrivere a redazione@immoderati.it o utilizzare i commenti in basso. Buona lettura!

 

Questa settimana la stampa e l’online sono stati monopolizzati dall’eco dei tragici attentati di Parigi. Il rapporto tra Occidente e mondo musulmano, la libertà di opinione e di satira, sono due tra le questioni sulle quali si è scritto maggiormente.
Ma è stata anche la settimana delle dimissioni del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che, seppur finito per alcuni giorni in secondo piano, è il tema prevalente – insieme all’inevitabile “toto Quirinale” – sul quale sono stati scritti editoriali, commenti e retroscena di politica interna. Nella rassegna stampa di oggi quindi buona parte degli articoli segnalati riguarderanno queste due questioni.
Accanto a queste vi segnaliamo poi altri pezzi che affrontano temi passati in secondo piano, ma comunque di primaria importanza: le elezioni greche, Giustizia e carceri, l’affaire “tre per cento” e la delega fiscale del governo Renzi, e altre notizie.

 

«Niente viaggia più in fretta della velocità della luce,
con la possibile eccezione delle cattive notizie,
che seguono proprie leggi specifiche»

Douglas Adams

Occidente e Islam:

La guerra in casa che non capiamo” di Angelo Panebianco – Corriere della Sera

Lotta dura al nazismo musulmano” (intervista a Marco Taradash) di Goffredo Pistelli – Italia Oggi

Perché gli illuministi oggi non sarebbero affatto tolleranti con l’islam” di Antonio Gurrado – il Foglio 

Libertà di opinione, di stampa e di satira:

Dieudonné, arrestato il comico. In Francia libertà d’espressione ma non troppo di Stefano Feltri – il Fatto Quotidiano

Francia, libertà di parola anche per Dieudonné” di Pierluigi Battista – Corriere della Sera

Dimissioni di Napolitano e corsa al Quirinale:

La figura che non vorremmo” di Michele Ainis – Corriere della Sera 

Napolitano, la critica davvero ingiusta” di Antonio Polito – Corriere della Sera

Come deve essere il nuovo presidente?” di Mattia Feltri – la Stampa

Il ‘novennato’ del presidente della Repubblica più politico” di Antonella Rampino – la Stampa 

Dossier Quirinale, tutti i numeri del Colle” (Dossier interattivo) – l’Espresso

Napolitano, pensione dorata: chauffeur, maggiordomo. E ufficio da 100 mq” di Primo Di Nicola e Antonio Pitoni – il Fatto Quotidiano

Governo Renzi: semestre europeo, delega fiscale e altro.

Semestre europeo, il flop di Matteo Renzi. E le promesse rimangono solo degli slogan” di Marco Damilano – l’Espresso

Una manina pericolosa” di Alessandro Pace – la Repubblica 

Bonus 80 euro: il grande flop certificato pure dal Tesoro” di Stefano Feltri – il Fatto Quotidiano 

Economia

La macchina dell’incertezza” di Luca Ricolfi – il Sole 24 Ore

Il popolo delle partite Iva in fuga dall’Inps” di Antonio Sciotto – l’Espresso 

Bce verso un maxi-Qe ma più rischi a carico dei singoli Paesi” di Alessandro Merli – il Sole 24 Ore 

Così Marchionne sfida la vulgata del deserto industriale meridionale” di Alberto Brambilla – il Foglio

Siamo arricchiti, c’è grossa crisi” di Mario Seminerio – Phastidio

Altre notizie

This is Sparta?” (Le elezioni greche) – Piano Inclinato

Il 41 per cento in più di innocenti in carcere” di Maurizio Gallo – il Tempo 

Si può ricominciare a parlare dei riscatti? di Giordano Masini – Strade

Giuseppe Carteny

Laureato in Scienze di Governo, chitarrista liberale e aspirante politologo rock. O quantomeno blues. Militante di me stesso, per due anni attivista di Fare per Fermare il Declino. Ex membro della Direzione Regionale del Lazio e della Direzione Nazionale del partito. Cinico visionario, critico impenitente, anche di me stesso. Immoderato per vocazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata